Una nuova era per il design dell'ufficio e la cultura del lavoro

Area Europe parla dell'evoluzione dei luoghi di lavoro. Non stiamo affrontando la "morte dell'ufficio", ma l'ascesa di spazi di lavoro collaborativi basati sulla personalizzazione.

"L'ufficio continuerà a svolgere un ruolo essenziale, ma ciò non significa che non cambierà", afferma Lee Day, Direttore di Area Europe. "La sfida per le organizzazioni è offrire alle persone la tecnologia, gli spazi e le culture che consentano loro di lavorare nei modi giusti e trovare i giusti equilibri per se stessi come individui e adattarli nel tempo".

Si dice spesso che qualsiasi idea ripetuta abbastanza spesso sviluppa una qualche forma di legittimità. L'anno scorso ha fornito una serie di esempi di ciò, in particolare nell'idea della "morte dell'ufficio". Questo normalmente va di pari passo con un esempio tratto da una grande azienda tecnologica che ignora i dettagli delle politiche di lavoro che hanno effettivamente annunciato, per non parlare del fatto che un'azienda come Amazon ha appena svelato i suoi piani per creare quasi 3 milioni di metri quadrati. piedi di spazio per uffici presso la sua nuova sede negli Stati Uniti.

La verità è che le persone vorranno sempre unirsi per lavorare. Questo non cambierà. Ciò che cambierà è il modo in cui ciò accade e anche i luoghi in cui accade. Questo è il motivo per cui abbiamo sostenuto che questa potrebbe essere un'era nuova e affascinante per il design degli uffici e la cultura del lavoro.

Allen è per lo più comunemente associato a The Allen Curve, che ha introdotto nel suo libro del 1984 Managing the Flow of Technology. La famosa curva che porta il suo nome rappresenta graficamente i risultati della sua ricerca, mostrando una correlazione negativa tra la distanza fisica e la frequenza di comunicazione tra i colleghi. Così precisamente questo può essere definito, che Allen ha scoperto che 50 metri segna un punto limite per lo scambio regolare di alcuni tipi di informazioni tecniche.

Ovviamente tutto questo era pre-Internet, quindi nel 2006 Allen è stato coautore di un libro intitolato The Organization and Architecture of Innovation con l'architetto tedesco Gunter Henn. Il libro esplora come lo spazio fisico, i social network, i flussi di informazioni e la struttura organizzativa devono essere integrati per guidare l'innovazione.

Ciò che rileva è che, lungi dal diminuire di importanza, l'edificio sta acquisendo un ruolo più importante, anche se diverso, e che la distanza fisica tra gli individui è un elemento essenziale nello sviluppo dei rapporti di lavoro e nel modo in cui le idee e le informazioni fluiscono. Lo spazio fisico è parte integrante dell'innovazione.

Il libro fa il seguente punto sulla base della sua ricerca: “Piuttosto che scoprire che la probabilità di comunicazione telefonica aumenta con le distanze, poiché la probabilità faccia a faccia decade, i nostri dati mostrano un decadimento nell'uso di tutti i mezzi di comunicazione con la distanza. Non teniamo gruppi separati di persone, alcune delle quali comunichiamo con un mezzo e altre con un altro. Più spesso vediamo qualcuno faccia a faccia, più è probabile che telefoneremo a quella persona o comunicheremo con qualche altro mezzo ".

È probabile che ciò sia più o meno vero anche con gli strumenti di comunicazione a nostra disposizione ora. Certamente, la fatica crescente per la comunicazione mediata interamente dalla tecnologia si è assottigliata, anche se ne riconosciamo l'utilità e la funzionalità.

Per leggere il pezzo completo, visita: https://www.area.co.uk/news-kn...